Iscriviti adesso

Serie di conferenze illustri - Dal fuoco allo spazio - Le scienze di base guidano e modellano i nostri percorsi verso lo sviluppo sostenibile

Una nuova serie di conferenze online esplora come le scienze di base siano essenziali per promuovere il progresso degli obiettivi di sviluppo sostenibile.

L'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, oltre a fornire un quadro per la sostenibilità e l'uguaglianza, può anche rappresentare un modo per collegare meglio la scienza e l'istruzione di base a questioni come il cambiamento climatico e ambientale, la sicurezza idrica ed energetica, la conservazione degli oceani, il rischio di disastri e altri rischi esistenziali per vivere in modo sostenibile sul pianeta Terra. Mentre celebriamo l'Anno internazionale delle scienze di base per lo sviluppo sostenibile (IYBSSD), è importante riconoscere il contributo che la scienza di base può dare all'attuazione dell'Agenda 2030.

L'Anno Internazionale, promulgato dalle Nazioni Unite, incoraggia gli scambi tra scienziati e tutte le categorie di soggetti interessati, dalle comunità di base ai decisori politici e ai leader internazionali, alle associazioni, agli studenti e alle autorità locali.

GeoUnion (un gruppo di nove sindacati e associazioni che rappresentano le geoscienze, che sono anche membri dell'ISC), ha istituito una "Distinguished Lecture Series on Basic Sciences for Sustainable Development" in linea con l'IYBSSD per evidenziare l'importanza delle scienze di base per lo sviluppo sostenibile all'interno del Comunità ISC.

“È un onore per i sindacati di geoscienze dell'ISC promuovere l'importanza della scienza di base in relazione agli obiettivi di sviluppo sostenibile in contesti multidisciplinari. Siamo lieti che i seguenti rappresentanti di spicco dei nostri sindacati abbiano accettato di essere i primi a condividere la loro esperienza nell'ambito dell'illustre serie di conferenze per l'Anno internazionale della scienza di base per lo sviluppo sostenibile".

Alik Ismail-Zedeh, ricercatore senior, Karlsruhe Institute of Technology, Germania; Fellow, Unione Internazionale di Geodesia e Geofisica, e ISC Fellow

Per promuovere la discussione e il dibattito su questi temi, l'ISC ha convocato quattro webinar online, che puoi rivedere di seguito.

Webinar 1: "Potenza di fuoco, geopolitica e futuro: ripensare la sicurezza ambientale"

Mentre il cambiamento climatico accelera e causa sempre più calamità alle società umane, gli studiosi devono pensare molto più attentamente a come il mondo sta cambiando e perché. Una chiave per questo è il ruolo della combustione nelle società moderne e la necessità di limitarne l'uso sia nell'arena civile che in quella militare per costruire un futuro più sicuro per tutti.

Simone Dalby

Professore alla Wilfrid Laurier University, Waterloo, Ontario, Senior Fellow presso il Center for International Governance Innovation e Senior Research Fellow presso il Centre for Global Studies dell'Università di Victoria.

Guarda il video

Webinar 2: "Comprendere la dualità del rischio di catastrofi e dello sviluppo sostenibile"

Il rischio di disastri e i disastri sono processi sistemici socialmente costruiti che si sviluppano nel tempo a causa delle relazioni e delle interdipendenze tra vulnerabilità, esposizione e pericoli. Ti sei mai chiesto perché la geografia è una bussola per comprendere la riduzione del rischio di disastri e la sostenibilità globale?

Irasema Alcantara-Ayala

Ex Direttore e attuale Professore e Ricercatore presso l'Istituto di Geografia dell'Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM) e ISC Fellow (nominato nel dicembre 2022).

Guarda il video

Webinar 3: "Monitoraggio degli SDG abilitato alle informazioni geospaziali"

Un follow-up e una revisione sistematici attraverso il monitoraggio e la comunicazione basati su indicatori dei progressi verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) del 2030 attraverso l'integrazione di dati statistici e informazioni geografiche è un compito impegnativo e un tema caldo sia per le agenzie governative che per le comunità scientifiche. Questa conferenza fornisce una panoramica delle buone pratiche riconosciute dalle Nazioni Unite in materia monitoraggio degli SDG abilitati alle informazioni geospaziali, che dimostra come i progressi complessivi degli OSS in un contesto locale possano essere misurati attraverso lo sviluppo di una serie di approcci basati su indicatori, basati sui dati e supportati da prove con una prospettiva geografica.

Chen Jun

Professore/Chief Scientist presso il National Geomatics Center of China, Pechino, Cina

Guarda il video

Webinar 4: "Dalla teoria delle ere glaciali alle proiezioni climatiche dell'IPCC"

Nonostante una migliore comprensione del cambiamento climatico globale e regionale e una maggiore complessità del modello, il contributo relativo dei diversi feedback (nuvole, circolazione oceanica, vegetazione e il suo accoppiamento con i cicli dell'acqua e del carbonio, ghiaccio...) continua a variare da modello a modello, portando a discrepanze tra ricostruzioni climatiche e simulazioni. Acquisire nuovi record paleoclimatici quaternari e confrontarli con i risultati dei modelli è, più che mai, la scienza di base necessaria per spiegare l'attuale cambiamento climatico e migliorare le proiezioni climatiche.

In questa conferenza, María Fernanda Sánchez Goñi, Professore di Paleoclimatologia, ha introdotto brevemente la scoperta delle ere glaciali, la teoria astronomica che le spiega e l'inaspettata identificazione della brusca variabilità climatica (dal millennio al centenario) negli anni '1980.

Maria Fernanda Sanchez Goñi

Professore di Paleoclimatologia presso l'Ecole Pratique des Hautes Etudes-Paris Science Lettres (EPHE, PSL University); lavora presso il laboratorio EPOC (Environnements et Paléoenvironnements Océaniques et Continentaux) dell'Università di Bordeaux

Indirizzo e-mail : maria.sanchez-goni@u-bordeaux.fr

Guarda il video

Webinar 5: “Collegare i meccanismi alle funzioni del suolo per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile”

Anche se non sempre esplicitamente citato, il suolo e le sue funzioni sono essenziali per realizzare la maggior parte degli obiettivi Obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS). Il raggiungimento degli obiettivi "Fame Zero" e "Vita sulla terra" dipende fortemente dalla capacità del suolo di fornire un mezzo per la crescita delle piante, mentre l'obiettivo "Azione per il clima" è fortemente correlato allo stoccaggio del carbonio dei suoli. Questi sono solo esempi, in quanto il suolo fornisce molti altri servizi ecosistemici grazie alle funzioni che è in grado di svolgere. Tuttavia, il funzionamento del suolo è legato alle sue proprietà ed è qui che le discipline di base e la scienza del suolo si incontrano e forniscono conoscenze per raggiungere questi ambiziosi obiettivi.

In questa conferenza, Prof.ssa Eleonora Bonifacio fornirà una panoramica dei meccanismi che stanno alla base della capacità di stoccaggio e stabilizzazione del carbonio del suolo, delle relazioni tra le caratteristiche del suolo e l'invasività delle specie arboree aliene, che minacciano la biodiversità, e dei meccanismi che consentono la sopravvivenza delle piante in situazioni difficili e di bassa fertilità.

Prof.ssa Eleonora Bonifacio

Docente di Pedologia presso l'Università degli Studi di Torino (Italia), Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DISAFA)Direttore della Scuola di Dottorato dell'Università di Torino (da ottobre 2021), e in precedenza è stato coordinatore del Corso di Dottorato in Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari dell'Università di Torino (2018-2021). 

Guarda il video

Webinar 6: “Sostenibilità ENERGETICA per comunicazioni radio Net ZERO”

L’energia è al centro di tutte le nostre attività e, soprattutto adesso, l’elettricità è alla base della sopravvivenza umana. Tuttavia le risorse sono limitate e in determinate occasioni occorre fare affidamento sulla possibilità di avere disponibilità energetiche specifiche e di energia su richiesta, affinché sensori, comunicazioni di emergenza e ICT in generale continuino a funzionare anche se la rete energetica è non lì.

In questa conferenza, Professore Nuno Borges Carvalho discute il problema della generazione di energia elettrica e come far fronte all'enorme domanda di tecnologie ICT (Information Communication Technologies). Affronta nuovi paradigmi per le comunicazioni radio e alternative per rendere l'energia disponibile quando necessario e dove necessario. Si prevede che in futuro sul mercato saranno disponibili alternative Net Zero Radio.

Prof. Nuno Borges Carvalho

Attualmente è professore ordinario e ricercatore senior presso l'Istituto di telecomunicazioni dell'Università di Aveiro e IEEE Fellow. 

Guarda il video

Michele Spirò, presidente dell'Unione internazionale di fisica pura e applicata e presidente del comitato direttivo per l'Anno internazionale, ha dichiarato:

“Le applicazioni della tecnologia sono facili da riconoscere. D'altra parte, i contributi delle scienze di base, basate sulla curiosità, non sono molto apprezzati. Sono tuttavia alla base di grandi progressi tecnologici che stimolano l'innovazione, nonché essenziali per la formazione di futuri professionisti e per lo sviluppo delle capacità delle popolazioni che possono prendere parte a decisioni che riguardano il loro futuro.

Michele Spirò

L'ISC continua a impegnarsi con l'Anno internazionale della scienza di base per lo sviluppo sostenibile. Saperne di più: https://www.iybssd2022.org/en/home


Immagine di Ugne Vasyliute on Unsplash

Salta al contenuto