Iscriviti adesso

I Big Earth Data fanno progredire la scienza e l'ingegneria per gli SDG

L'International Society for Digital Earth, membro affiliato dell'International Science Council, ha pubblicato un numero speciale su "Big Data in Support of the Sustainable Development" Goals" sulla sua rivista, Big Earth Data per celebrare l'inaugurazione dell'International Research Center dei Big Data per gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

La problema speciale mira a evidenziare il potenziale in evoluzione dell'analisi dei big data per consentire una comprensione completa dei complessi processi del sistema terrestre e dell'ingegneria all'avanguardia per soluzioni sostenibili alle sfide globali. Presenta importanti contributi dalla comunità della scienza e dell'ingegneria, guidata dall'International Science Council e dalla World Federation of Engineering Organizations.

La rilevanza dei big data

Siamo tutti consapevoli che la moderna struttura digitale ha consentito numerose innovazioni nella scienza e nella tecnologia che hanno facilitato le nostre capacità analitiche, fornendoci informazioni su dati che non erano possibili pochi decenni prima. Di conseguenza, stiamo assistendo a una crescita esponenziale di servizi e soluzioni digitali in vari aspetti della società umana. Quasi tutti i domini della scienza stanno esplorando le prospettive delle applicazioni digitali. Nel processo di digitalizzazione, i big data ci forniscono nuove idee e metodi per comprendere la Terra e intraprendere l'epica missione dello sviluppo sostenibile con un nuovo slancio.

Big data per uno sviluppo sostenibile

Trasformare il nostro mondo: l'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile fornisce un programma completo per affrontare collettivamente diverse sfide globali, come la riduzione del rischio di catastrofi, i cambiamenti climatici, la sicurezza alimentare e la protezione dell'ambiente. Tuttavia, le lacune nei dati e nei metodi per valutare diversi indicatori limitano la conformità e l'attuazione efficaci in diverse nazioni del mondo.

Pertanto, è necessario migliorare l'accesso ai dati e la condivisione delle informazioni tra organizzazioni e paesi diversi. Ciò è possibile solo attraverso la democratizzazione delle risorse digitali, delle informazioni, dei dati e soprattutto della conoscenza scientifica. Ciò è particolarmente vero per i campi delle scienze naturali e dell'ingegneria in cui è necessaria una conoscenza completa delle complesse interazioni tra diversi sistemi ecologici e ambientali per rispondere a sfide condivise.

Vedi il progetto dell'ISC su Digitalizzazione e Sostenibilità

Digitalizzazione e sostenibilità

Riconoscendo la forza di trasformazione delle nuove tecnologie digitali, questo progetto mira a massimizzarne i benefici per la scienza e per il raggiungimento degli SDG.

Ci sono opportunità nell'ambito del meccanismo di facilitazione della tecnologia delle Nazioni Unite per migliorare la digitalizzazione e il collegamento in rete di dati e informazioni scientifiche. Ciò non solo consentirà il flusso di conoscenze e informazioni in tutte le parti del mondo, ma aiuterà anche a promuovere e consentire ai giovani talenti di innovare e ideare soluzioni per le loro comunità utilizzando risorse e informazioni condivise a livello globale. Lavorando per sfruttare queste opportunità, CBAS, in qualità di centro di ricerca internazionale, lavorerà nel contesto di un quadro di "scienza per la sostenibilità" e svilupperà prodotti, metodi e tecnologie scientifici da scala globale a scala locale per garantire l'accesso globale alle più recenti, informazioni più affidabili sugli indicatori SDG. Lavorerà anche per mobilitare le risorse tecnologiche e di dati necessarie per analizzare e visualizzare le informazioni per azioni e politiche informate, con un accesso equo e aperto a tutti.

Introduzione al CBAS

Il 22 settembre 2020, la Cina ha annunciato durante il Dibattito Generale dei 75th Sessione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite che istituirà un Centro Internazionale di Ricerca sui Big Data per gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

CBAS mira a sfruttare i big data per servire Trasformare il nostro mondo: l'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, con ricerche multidisciplinari relative alle scienze del sistema Terra, alle scienze sociali ed economiche e alle scienze della sostenibilità. È dedicato al monitoraggio e alla valutazione degli indicatori degli obiettivi di sviluppo sostenibile nelle aree in cui i big data svolgono un ruolo chiave.

CBAS lavora verso una visione in cui i dati sono aperti e accessibili oltre i confini e le discipline, la tecnologia è disponibile per supportare l'intero processo decisionale e le conoscenze e le idee sono comunicate e cresciute, soprattutto tra i paesi in via di sviluppo.

Motivato per garantire lo sviluppo collettivo, CBAS ha cinque missioni chiave:

1) Sviluppare un'infrastruttura di dati SDG e prodotti informativi;

2) Sviluppare e lanciare una serie di satelliti SDG;

3) Fornire nuove conoscenze per il monitoraggio e la valutazione degli SDG;

4) Istituire un think tank per la scienza, la tecnologia e l'innovazione per promuovere gli SDG; e

5) Fornire lo sviluppo delle capacità per gli SDG nei paesi in via di sviluppo.


Il gruppo principale della comunità scientifica e tecnologica delle Nazioni Unite

L'ISC, insieme alla World Federation of Engineering Organizations (WFEO), è un partner co-organizzatore del gruppo principale della comunità scientifica e tecnologica presso le Nazioni Unite. In questo ruolo, ci assicuriamo un mandato per la scienza presso le Nazioni Unite e integriamo la scienza nei principali processi politici globali, come l'attuazione e il monitoraggio dell'Agenda 2030.

@ScienceTechUN


Immagine di Foto delle Nazioni Unite su Flickr.

Salta al contenuto