Iscriviti adesso

Preoccupazioni e aspirazioni condivise sull’intelligenza artificiale in America Latina e nei Caraibi 

Un recente seminario sulla preparazione dei sistemi di ricerca nazionali per l’intelligenza artificiale (AI) ha rivelato opinioni condivise sull’intelligenza artificiale nella scienza in una regione vasta e diversificata.

Il workshop è stato organizzato dall'International Science Council (ISC) attraverso la sua Punto focale regionale per l'America Latina e i Caraibie l'Iniziativa Latinoamericana Open Data (ILDA) nell'ambito del dialogo globale sulla conoscenza dell'ISC a Santiago del Cile.

I partecipanti provenienti da tutta la regione – Argentina, Brasile, Cile, Colombia, Honduras, Giamaica, Messico, Panama, Perù, Repubblica Dominicana e Uruguay – hanno condiviso il modo in cui i loro governi nazionali stanno preparando i loro ecosistemi scientifici per l’intelligenza artificiale, l’impatto di questa integrazione, e le attuali sfide e opportunità per la collaborazione regionale. 

Questo workshop fa parte di un progetto più ampio condotto dall'ISC Center for Science Futures. Nel marzo 2024 il Centro ha pubblicato un documento di lavoro intitolato “Preparare gli ecosistemi nazionali di ricerca per l’intelligenza artificiale: strategie e progressi nel 2024″. Il documento esplora il modo in cui diversi paesi in tutto il mondo stanno pensando all’integrazione e all’adozione dell’intelligenza artificiale nei loro ecosistemi scientifici. I diversi contributi, scritti da esperti coinvolti nella realizzazione di tali piani nel loro paese, sono completati da una revisione della letteratura sull’argomento. Una versione aggiornata e ampliata, con ulteriori casi di studio nazionali, sarà pubblicata nell'ottobre 2024.

Preparare gli ecosistemi nazionali di ricerca per l’intelligenza artificiale: strategie e progressi nel 2024

Il rapporto offre un’analisi completa dell’integrazione dell’intelligenza artificiale nella scienza e nella ricerca in vari paesi. Affronta sia i progressi compiuti che le sfide affrontate in questo campo, rendendolo una lettura preziosa per leader scientifici, politici, professionisti dell’intelligenza artificiale e accademici.


Piatti da asporto chiave 

Un risultato del workshop è che la consapevolezza e il riconoscimento dell’importanza dell’integrazione dell’intelligenza artificiale negli ecosistemi di ricerca nazionali sono condivisi da tutti i paesi. I partecipanti hanno riconosciuto la necessità di sfruttare il potenziale dell'intelligenza artificiale e il suo ruolo nel promuovere i progressi scientifici.  

In secondo luogo, sebbene i paesi della regione si trovino in diverse fasi di implementazione dell’IA, che vanno dall’osservazione iniziale agli sviluppi all’avanguardia, stanno tutti lavorando in modo proattivo per integrare l’IA nella ricerca.  

In terzo luogo, c’è stato consenso sulle significative opportunità offerte dall’IA e sugli sforzi e le risorse necessari per il suo utilizzo efficace nelle attività scientifiche in America Latina e nei Caraibi. I partecipanti hanno sottolineato l’importanza di azioni coordinate e collaborazioni regionali per integrare l’intelligenza artificiale nei sistemi scientifici. Esiste, in altre parole, la volontà di sfruttare risorse, competenze e sforzi per massimizzare i benefici dell’intelligenza artificiale per la ricerca scientifica e l’innovazione nella regione. 

"C'è stata una discussione sorprendentemente coerente durante tutto il workshop, con valutazioni abbastanza simili sulle aree in cui è necessario agire e quali sono le esigenze", afferma Mathieu Denis, capo dell'ISC Center for Science Futures.

Esplorare i dati come base per sviluppi di IA etici, responsabili e inclusivi 

È necessario continuare a promuovere il dibattito sull’intelligenza artificiale concentrandosi sulla politica e sulla gestione dei dati.  

Dati di ricerca affidabili sono la base di qualsiasi integrazione riuscita dell’intelligenza artificiale nella scienza. È quindi essenziale che i paesi sviluppino linee guida chiare per le politiche di gestione dei dati adatte allo scopo della ricerca in tutte le discipline. È anche importante che le politiche sui dati affrontino i problemi della sottorappresentanza di alcuni gruppi minoritari e garantiscano che i dati provenienti dai paesi dell’America Latina e dei Caraibi vengano utilizzati per addestrare e gestire strumenti di intelligenza artificiale.  

David Castle, presidente del progetto, ha condiviso: "I partecipanti hanno considerato la relazione tra i dati aperti come una sorta di orientamento generale alla governance dei dati, e le questioni più tecniche e strategiche su come implementare approcci standardizzati come FAIR (trovabile, accessibile, interoperabile e riutilizzabile) ) dati. I dati possono essere FAIR e aperti, ma non tutti i dati aperti sono FAIR; questa sfumatura ha implicazioni significative per la politica e la governance dei dati”. 

La regione ha una comunità di scienza aperta vivace e connessa coinvolta nella promozione dei dati aperti e dell’intelligenza artificiale. Queste reti possono essere mobilitate per iniziative regionali sui dati di ricerca, possibilmente iniziando da alcune aree di interesse comune, come il cambiamento climatico e i sistemi alimentari.

Costruire una comunità per coordinare gli sforzi nell’agenda della scienza e dell’intelligenza artificiale 

È essenziale interagire con le altre parti interessate dell’ecosistema scientifico e promuovere sinergie con vari forum in tutta l’America Latina e nei Caraibi dedicati alle discussioni sullo sviluppo dell’IA. Questo approccio consente di unire gli sforzi, stabilire una prospettiva regionale unificata e promuovere iniziative di intelligenza artificiale su misura per le esigenze della regione. 

“Vediamo che i dibattiti sull’intelligenza artificiale nella regione sono frammentati in spazi e approcci diversi, e che i paesi si trovano a diversi livelli di implementazione, quindi potrebbe esserci un’opportunità per rafforzare questo dialogo tra accademie nazionali delle scienze, centri di ricerca e policy maker”. – Ha detto Gloria Guerrero, direttore esecutivo dell'ILDA. “Questo è uno spazio in cui ILDA, ISC e molti altri attori regionali possono aiutare”. 

Promuovere la collaborazione basata sulle migliori pratiche è essenziale per consentire la co-creazione interdisciplinare e la gestione della conoscenza nella regione. Questa collaborazione può innescare altri processi legati alla formazione, al patrocinio e alla formazione di gruppi di supporto tematici per condividere esperienze pratiche all’intersezione tra scienza e intelligenza artificiale. 


Negazione di responsabilità
Le informazioni, le opinioni e le raccomandazioni presentate in questo articolo sono quelle dei singoli contributori e non riflettono necessariamente i valori e le convinzioni dell'International Science Council.


Salta al contenuto