Geoingegneria solare a un punto morto?

Scrivere dentro Politica globale, Joshua B. Horton sostiene che i paesi in via di sviluppo hanno molto da guadagnare e da perdere dalla risoluzione dell'impasse che blocca la governance globale per la geoingegneria e che è necessario un certo grado di coordinamento internazionale.

sole del Nevada

Questo articolo fa parte della nuova serie di ISC, Trasforma21, che esplorerà lo stato delle conoscenze e dell'azione, a cinque anni dall'accordo di Parigi e in un anno cruciale per l'azione in materia di sviluppo sostenibile. È stato pubblicato per la prima volta da Politica globale su 10 August 2021.

La geoingegneria solare (o modifica della radiazione solare), l'idea di riflettere nello spazio piccole quantità di luce solare in entrata per compensare parzialmente il cambiamento climatico, occupa una posizione insolita nel panorama della governance globale. Da un lato, la tecnologia fa scintille opposizione e indignazione, accende le chiamate divieti globali or ponendolo sotto il controllo internazionale, ed è considerato da alcuni come un esistenziale minaccia per l'umanità. D'altra parte, ce l'ha appena studiato, ha prospettive commerciali limitate or possibilità di applicazione militareed è stato ignorato da quasi tutti gli stati e le istituzioni internazionali

Come elaboro di seguito, la governance globale della geoingegneria solare è attualmente ferma. In effetti, che l'idea della geoingegneria solare persista di fronte a un'istituzione sorprendentemente indifferente che ospita sacche di feroce ostilità è per molti versi notevole. Il motivo della sua durata, però, è semplice: il prove scientifiche disponibili suggerisce che la geoingegneria solare potrebbe, forse decine di miliardi di dollari all'anno, metti il ​​pianeta su una traiettoria notevolmente più sicura di quella su cui si trova attualmente.

La promessa ei problemi della geoingegneria solare

La forma più plausibile di geoingegneria solare - l'iniezione di aerosol stratosferico - raggiungerebbe questo obiettivo utilizzando una flotta di getti specializzati per disperdere volumi relativamente piccoli di aerosol di solfato (o particelle simili composte da carbonato di calcio o persino diamante) nell'alta atmosfera per riflettere la luce solare e raffreddare la terra. Ciò imiterebbe ciò che è stato osservato accadere quando alcuni grandi vulcani eruttano: quando il Monte Pinatubo ha eruttato nelle Filippine nel 1991, ad esempio, gli aerosol che sono stati rilasciati ha raffreddato il pianeta di 0.4 °C nei due anni successivi. Rispetto alle ovvie difficoltà incontrate dalla comunità internazionale nel tentativo di decarbonizzare l'economia mondiale, la geoingegneria solare sembra essere un modo molto più economico, rapido e diretto per combattere il riscaldamento globale. Non sorprende, tuttavia, che le cose siano più complicate di così.

Per cominciare, raffreddare il pianeta riflettendo la luce solare non equivale a ridurre le emissioni di carbonio: la geoingegneria solare bloccherebbe la radiazione a onde corte in entrata, mentre la mitigazione diminuisce il maggiore intrappolamento atmosferico della radiazione a onde lunghe causato da un effetto serra amplificato. Di conseguenza, un clima geoingegnerizzato sarebbe nuovo: i climi regionali potrebbero assomigliare più da vicino alle condizioni preindustriali con la geoingegneria solare che senza di essa, ma non sarebbero riproduzioni storiche. Tale novità genererebbe effetti distributivi non riscontrati in precedenza (anche se ancora una volta potrebbero essere preferibili all'alternativa), con nuove costellazioni di vincitori e vinti e quindi nuovi motivi di conflitto sociale.

Oltre a ciò, la disponibilità di uno strumento apparentemente poco costoso, ad azione rapida e facile da usare come la geoingegneria solare corre un rischio significativo di ridurre gli incentivi alla riduzione delle emissioni, alterando il calcolo costi-benefici di governi, aziende e consumatori, e /o fornendo opportunità per i combustibili fossili e altre industrie praticate nell'arte di distorcere l'opinione pubblica e il processo politico da sfruttare. Questo rischio è spesso indicato come "azzardo morale.” Inoltre, la relativa semplicità della tecnologia e la facilità di implementazione possono consentire a singoli paesi o piccole coalizioni di implementare la geoingegneria solare unilateralmente (sebbene ci siano significative barriere nel mondo reale alle capacità di distribuzione diffuse). Infine, l'interruzione prematura del dispiegamento, prima che la concentrazione atmosferica di GHG sia stata ridotta a livelli di sicurezza, potrebbe innescare un "shock di terminazione” in cui il conseguente rapido riscaldamento sarebbe significativamente più dannoso di quanto sarebbe accaduto se la geoingegneria solare non fosse mai stata utilizzata.

Come suggeriscono questi punti, gli aspetti più problematici e difficili da risolvere della geoingegneria solare non riguardano la scienza e l'ingegneria, ma piuttosto la politica e la governance. In breve, la prospettiva della geoingegneria solare solleva una serie di domande difficili senza risposte ovvie o mezzi ampiamente accettati per arrivarci. Dovremmo geoingegnerizzare? Se sì, quanto sarebbe desiderabile? Poiché la distribuzione non sarebbe un'opzione binaria (sì o no), ma invece comporterebbe decisioni multiple (p. es., per quanto riguarda l'altitudine e la latitudine di rilascio dell'aerosol) che comportano compromessi significativi, come dovrebbe essere progettata la distribuzione? Quando e in quali condizioni dovrebbe iniziare e fermarsi la geoingegneria solare? Chi dovrebbe decidere queste domande e come? Chi dovrebbe essere ritenuto responsabile se qualcosa va storto e come dovrebbe essere fornito il risarcimento?

Questi problemi presentano sfide formidabili che non dovrebbero essere sottovalutate, ma non devono oscurare gli immensi potenziali benefici che la geoingegneria solare potrebbe portare. In un mondo attualmente sulla buona strada per superare gli obiettivi di temperatura di Parigi, con il peggioramento delle condizioni meteorologiche estreme, l'innalzamento del livello del mare e i paesi più poveri e meno responsabili che sopportano il peso maggiore dell'impatto climatico, la geoingegneria solare potrebbe essere in grado di alleviare la sofferenza in un modo che nient'altro può realisticamente fare. Uno studio notevole mostra, ad esempio, che il rallentamento della velocità del riscaldamento globale della metà utilizzando la geoingegneria solare ridurrebbe le temperature medie, gli estremi di calore, le inondazioni e l'intensità dei cicloni tropicali in tutto il mondo, senza peggiorare la situazione di nessuna regione. Come riconosce lo stesso Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici, c'è "elevato accordo sul fatto che [la geoingegneria solare] potrebbe limitare il riscaldamento al di sotto di 1.5°C” (originale corsivo).

Nonostante questa promessa, le legittime preoccupazioni sulla governance, in particolare per quanto riguarda l'azzardo morale, combinate con le preoccupazioni etiche sul "casino con la natura" e dilemmi simili hanno funzionato per scoraggiare una seria considerazione della tecnologia. Per esempio, il finanziamento mondiale per la ricerca sulla geoingegneria solare dal 2008 al 2018 è stato di soli 50 milioni di dollari, la maggior parte da fonti private. La natura pubblica della tecnologia giustifica e richiede il sostegno pubblico per la ricerca, eppure nessun governo nazionale ha finanziato un importante programma di ricerca dedicato alla geoingegneria solare. Inoltre, nessun governo ha offerto più di dichiarazioni provvisorie sull'argomento.

Verso una governance globale

La governance globale della geoingegneria solare potrebbe aiutare gli stati e le altre parti interessate a decidere quale ruolo dovrebbe svolgere la tecnologia nell'affrontare il cambiamento climatico. Sfortunatamente, tale governance esiste a malapena. L'accordo di Parigi e la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici in base ai quali è stato negoziato, che insieme costituiscono il sito principale per la governance climatica globale. non dire nulla sul solare geoingegneria. Nel 2010 il Convenzione sul biologico Diversità (CBD) ha approvato una "moratoria" non vincolante sulla geoingegneria (con un'eccezione per la ricerca su piccola scala). Più di recente, nel 2019, gli stati membri dell'Assemblea delle Nazioni Unite per l'ambiente (l'organo di governo del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente) hanno discusso la richiesta di una valutazione della tecnologia di geoingegneria, ma i colloqui alla fine sono stati interrotti. Il punto chiave del disaccordo riguardava se una bozza di risoluzione dovesse includere un riferimento al principio di precauzione: l'UE e la Bolivia hanno insistito su questo mentre Stati Uniti e Arabia Saudita hanno rifiutato. Questo episodio ha rappresentato il più recente in a serie di controversie tra Stati Uniti ed Europa in merito al livello di precauzione appropriato da adottare nella regolamentazione dei rischi.

Come potrebbe essere rotta questa impasse? A differenza delle nuove tecnologie con potenziale commerciale, la natura non commerciale della geoingegneria solare significa che il mercato non stimolerà il suo sviluppo. E gli effetti persistenti di una lunga tradizione tabù sulla ricerca sulla geoingegneria solare all'interno della comunità scientifica - adottato e sostenuto per le ragioni sopra menzionate - rende improbabile che i ricercatori ottengano da soli progressi significativi. Rimangono gli interventi politici. Sebbene la politica nazionale e internazionale non sia stata particolarmente favorevole alla geoingegneria solare, non è stata nemmeno particolarmente antagonista; piuttosto, la maggior parte degli attori politici a tutti i livelli semplicemente non si è occupata della tecnologia. Qui offro due strategie per catalizzare un maggiore coinvolgimento con la geoingegneria solare.

Il primo è legato a raccomandazioni formulate all'inizio di quest'anno dalle accademie nazionali statunitensi di scienze, ingegneria e medicina (NASEM) per un programma di ricerca federale quinquennale da 100 milioni di dollari a 200 milioni di dollari sulla geoingegneria solare. Sebbene i sostenitori di un tale programma esistano a Washington, DC, non si sono ancora fusi nel tipo di coalizione di difesa richiesta per trasformarlo in realtà. Se una tale coalizione si formasse... un evento molto probabilmente incentrato sulla manciata di gruppi ambientalisti "pragmatici" che in precedenza hanno espresso un sostegno condizionale per una ricerca ampliata — allora una versione di quanto proposto dal NASEM potrebbe essere realizzabile. Il successo del Coalizione per la cattura del carbonio nell'aiutare a realizzare un nuovo Programma federale di ricerca sulla rimozione del carbonio degli Stati Uniti fornisce un modello parziale per l'azione. Un programma nazionale statunitense sulla geoingegneria solare potrebbe a sua volta spingere la Germania (potenzialmente come parte di uno sforzo dell'UE) e la Cina ad avviare i propri programmi nazionali. Il governo tedesco ha precedentemente finanziato ricerca su piccola scala utilizzando i modelli del sistema terrestre per studiare le risposte climatiche alla geoingegneria solare. Allo stesso modo, il governo cinese ha finanziato ricerca su piccola scala incentrato su simulazioni di modelli e valutazioni preliminari di governance. In uno scenario di questo tipo dal basso verso l'alto, guidato dagli Stati Uniti, un certo grado di coordinamento internazionale, forse sotto un organismo come il Consiglio internazionale della scienza, sarebbe altamente desiderabile.

Il secondo ruota attorno alla possibilità di una commissione globale o di un comitato simile di alto livello convocato per affrontare la geoingegneria solare e le sue sfide di governance; tali iniziative hanno già stato proposto. Una commissione globale composta da personalità eminenti e rappresentative a livello internazionale, non formalmente collegate alle strutture di governance esistenti, sarebbe relativamente svincolata dai quadri politici convenzionali e dalle rigidità istituzionali, e quindi in grado di iniettare nuove idee e proposte innovative nel processo di politica climatica globale. Tale commissione dovrebbe prendere sul serio le sfide di governance poste dalla geoingegneria solare e presentare raccomandazioni attentamente ponderate progettate per affrontare l'azzardo morale e altri aspetti problematici del potenziale dispiegamento. Se una commissione fosse sufficientemente visibile e credibile e ampiamente considerata legittima, e se le sue raccomandazioni fossero basate su analisi solide e basate su un solido giudizio politico, allora potrebbe creare un'opportunità per aggiungere la geoingegneria solare al kit di strumenti per la politica climatica globale.

Questi tipi di strategie offrono la prospettiva di un'azione galvanizzante sulla ricerca e la governance della geoingegneria solare. Solo uno sforzo di ricerca concertato può chiarire i rischi, ridurre le incertezze e aiutare a determinare se è possibile un'implementazione responsabile della geoingegneria solare e qualcosa che vale la pena considerare. Allo stesso modo, solo la diplomazia, inclusa la diplomazia informale, può stabilire se la geoingegneria solare può essere incorporata nella governance climatica contemporanea in un modo che favorisca lo sviluppo sostenibile. Nella misura in cui la ricerca limitata scoraggia il lavoro sulla governance e la governance limitata scoraggia la nuova ricerca, perseguire entrambe le strategie contemporaneamente può offrire le migliori possibilità di superare l'attuale stallo.

Conclusione

Rompere questa impasse è importante perché le tecnologie globali hanno bisogno di una governance globale. Un plausibile dispiegamento di geoingegneria solare non può essere limitato a una sola regione geografica, ma per sua stessa natura interesserebbe l'intero pianeta. Questo dà a tutti, comprese le generazioni future, un interesse nel suo possibile utilizzo. Probabilmente, in via di sviluppo paesi hanno più da guadagnare e più da perdere dalla geoingegneria solare. Le loro aree geografiche li rendono i più vulnerabili ai cambiamenti climatici e la loro relativa mancanza di risorse li rende meno in grado di adattarsi, ma possono anche beneficiare in modo sproporzionato della riduzione del rischio climatico. Allo stesso tempo, in assenza di una forte governance globale, i paesi in via di sviluppo sarebbero meno capaci di modellare lo spiegamento in un modo che dia priorità al benessere globale. 

Senza una governance globale, la geoingegneria solare potrebbe esacerbare i futuri cambiamenti climatici e destabilizzare la politica mondiale, ma con essa, la geoingegneria solare potrebbe offrire un'opportunità per evitare i peggiori impatti dei cambiamenti climatici e ottenere risultati più giusti. È tempo di andare avanti sulla governance globale.

Ulteriori letture

Joshua B. Horton è coautore di uno degli articoli pubblicati nel recente Special Issue di Politica globale on Governare gli approcci che alterano il clima (a cura di J. Pasztor e N. Harrison), a disposizione di leggi in linea qui.


Joshua B. Horton è Senior Program Fellow, Geoingegneria solare presso il Mossavar-Rahmani Center for Business and Government presso la Harvard Kennedy School. La sua ricerca comprende la politica, la politica e la governance della geoingegneria solare. Dal 2016 fino a quest'anno, il Dr. Horton è stato Direttore della ricerca, Geoingegneria con il Keith Group presso l'Università di Harvard e dal 2013 al 2016 è stato ricercatore post-dottorato nel Belfer Center Science, Technology, and Public Policy Program della Harvard Kennedy School.


Immagine: Andrey Grinkevich on Unsplash

Condividi:

Salta al contenuto