Iscriviti adesso

Al Pivotal Event in Cina, l'International Council for Science pubblica una nuova strategia per rafforzare la scienza internazionale a beneficio della società

Riconoscendo che il mondo della ricerca scientifica non ha sfruttato appieno il suo potenziale nell'affrontare alcune delle preoccupazioni più urgenti della società, compreso il terribile impatto dei disastri naturali, il Consiglio internazionale per la scienza (ICSU) ha annunciato oggi alla sua 28a Assemblea Generale un piano ambizioso di azione per rafforzare la scienza internazionale a beneficio della società. Si concentrerà sulla scienza interdisciplinare in aree chiave di incertezza politica, compreso lo sviluppo sostenibile, e sugli sforzi per mitigare l'impatto di disastri come il recente terremoto nel Kashmir, l'uragano Katrina e lo tsunami nell'Oceano Indiano. Un importante programma di ricerca internazionale sulla scienza polare fornirà nuove informazioni sui processi planetari e su come sono influenzati dal comportamento umano.

SUZHOU, Cina – "Gli scienziati devono fare un lavoro migliore nel comunicare ciò che sanno ai leader mondiali, ma devono anche scoprire quali informazioni potrebbero essere utili quei politici", ha affermato il presidente dell'ICSU Jane Lubchenco, che è anche Wayne e Gladys Valley Professore di biologia marina e illustre professore di zoologia presso la Oregon State University.

"Lo tsunami e gli uragani Katrina e Rita hanno dimostrato le conseguenze devastanti per le persone e le proprietà della rimozione delle barriere naturali contro le mareggiate come zone umide, mangrovie e barriere coralline", ha affermato Lubchenco. "Quando lo sviluppo costiero ignora le informazioni scientifiche sulle funzioni di protezione critiche di questi ecosistemi, le persone corrono un rischio maggiore". "Il mondo ha bisogno di scienziati naturali, sociali ed economici per lavorare insieme, adattare le loro ricerche e condividere le loro scoperte in modo più efficace", ha continuato.

Lubchenco osserva che gli scienziati di tutto il mondo si impegnano a mantenere la promessa della scienza: ridurre l'impatto dei rischi naturali e causati dall'uomo, affrontare la minaccia del cambiamento climatico e aiutare a superare le disuguaglianze sanitarie ed economiche.

"Con questo piano strategico stiamo aggiungendo un peso significativo alla nostra dichiarazione di intenti: rafforzare la scienza internazionale a beneficio della società", ha affermato Thomas Rosswall, direttore esecutivo dell'ICSU. “Dobbiamo continuare a essere coinvolti nella valutazione delle condizioni in rapido cambiamento in tutto il mondo e assicurarci che il messaggio degli scienziati arrivi alle istituzioni intergovernative, nonché ai leader dei singoli paesi. Allo stesso tempo, stiamo anche dicendo che dobbiamo coinvolgere i politici fin dall'inizio, in modo che possano aiutarci a rispondere a ciò di cui hanno bisogno".

Il nuovo piano si basa su diverse relazioni di esperti e sulle consultazioni degli ultimi tre anni con scienziati e istituzioni scientifiche che lavorano in tutto il mondo. La strategia si basa sugli attuali programmi dell'ICSU per coordinare la ricerca ambientale, proteggere la libertà scientifica e aprire l'accesso a dati e informazioni, mentre lancia nuove iniziative che riuniranno scienziati di molte discipline e paesi. Le seguenti azioni vengono intraprese alla 28a Assemblea Generale, nell'ambito dell'attuazione del nuovo piano strategico dell'ICSU:

  • Lancio del Anno polare internazionale (IPY) 2007-2008: Questo ambizioso programma globale per la ricerca polare, che è stato co-sponsorizzato dall'Organizzazione meteorologica mondiale, è stato lanciato ufficialmente in occasione dell'Assemblea Generale, che ricorda gli sforzi galvanizzanti come le avventure dell'uomo nello spazio e il Progetto Genoma Umano . Ha già attirato più di 1000 proposte di ricerca presentate da scienziati di tutto il mondo.
  • Approvazione per avviare la pianificazione dettagliata di un nuovo importante programma sui rischi naturali e causati dall'uomo: in risposta a un mondo in cui i disastri naturali stanno sconvolgendo sempre più nazioni, ricchi e poveri, l'Assemblea Generale dell'ICSU ha approvato una nuova iniziativa incentrata sull'uso della scienza per prevenire pericoli naturali dal diventare eventi catastrofici.
  • Dati e informazioni: sullo sfondo di un crescente divario di conoscenze tra i paesi ricchi e le barriere commerciali e povere che impediscono l'accesso ai dati scientifici, l'Assemblea Generale dell'ICSU ha adottato piani ambiziosi per promuovere una migliore gestione e diffusione di dati e informazioni scientifiche,
  • Universalità della scienza: Avvertendo che i cambiamenti nel clima politico globale e le preoccupazioni per il terrorismo internazionale pongono nuove sfide alle libertà scientifiche, i membri dell'ICSU hanno adottato un impegno rinnovato e rivisto nei confronti del Principio fondamentale dell'universalità della scienza dell'organizzazione. Questo Principio chiede la fine delle restrizioni politiche e commerciali alla libertà di perseguire la scienza. Una dichiarazione sulle minacce al Principio è stata formalmente presentata dal Comitato Permanente per la Libertà nella Condotta della Scienza dell'ICSU all'Assemblea Generale.

Rosswall ha osservato che l'ICSU ei suoi partner continueranno a monitorare le questioni emergenti della ricerca internazionale importanti per la scienza e la società e risponderanno in modo tempestivo quando necessario. La nuova strategia impegna inoltre l'organizzazione a tenere conto dell'impatto dell'importante ruolo della ricerca sulla salute umana nella pianificazione delle attività future con i suoi partner.


Salta al contenuto