Iscriviti adesso

Esperti internazionali chiedono un nuovo approccio per garantire che le sfide all'accesso e alla gestione dei dati non rallentino il progresso scientifico

Cambiamenti complessi nella produzione, distribuzione e archiviazione dei dati, e le questioni che sollevano riguardo a chi paga i dati, chi li conserva e chi ha accesso ad essi, dovrebbero stimolare un'iniziativa internazionale che garantisca agli scienziati attuali e futuri in tutto il mondo le informazioni di cui hanno bisogno, secondo a un nuovo rapporto sulle sfide alla gestione dei dati e all'accesso presentato oggi al Consiglio internazionale per la scienza (ICSU).

Il rapporto, scritto da un gruppo di esperti nominato dall'ICSU, è stato formalmente presentato oggi alla 28a Assemblea Generale dell'ICSU a Suzhou, in Cina. Richiede l'istituzione di un forum scientifico internazionale di dati e informazioni per promuovere un approccio più coordinato alla raccolta e alla distribuzione dei dati. Tale forum potrebbe anche svolgere un ruolo chiave nel garantire che gli scienziati dei paesi in via di sviluppo abbiano un accesso equo ai dati e alle informazioni scientifiche.

"La raccolta, l'analisi e la distribuzione dei dati sono state profondamente e positivamente modificate dai progressi quantistici nell'hardware, nel software e nella connettività dei computer e il risultato è che gli scienziati possono avere accesso a dati di qualità più elevata che mai", ha affermato Roberta Balstad, direttore di Centro per la rete internazionale di informazioni sulle scienze della terra della Columbia University e presidente dell'ICSU Priority Area Assessment (PAA) su dati e informazioni.

"Ma questi nuovi dati e tecnologie dell'informazione portano con sé anche una serie di sfide", ha aggiunto. “Ad esempio, non sempre disponiamo dei quadri legali e normativi necessari per ottenere il massimo vantaggio dai dati scientifici. Ci manca un approccio coerente per preservare e archiviare l'incredibile ricchezza di informazioni prodotte. E più l'accesso a riserve di dati a lungo termine diventa centrale per la moderna impresa scientifica, più esacerba le disuguaglianze tra gli scienziati nelle nazioni ricche e quelle povere".

Balstad e i suoi colleghi del panel PAA ritengono che l'ICSU, con i suoi membri internazionali e multidisciplinari, "dovrebbe assumere un ruolo di leadership nell'identificazione e nell'affrontare le questioni politiche e gestionali critiche relative ai dati e alle informazioni scientifiche e che crei un nuovo quadro globale per i dati e gestione della politica dell'informazione”.

Il panel ha esaminato una serie di questioni che incidono sulla generazione, la qualità e l'accesso dei dati. Ad esempio, il suo rapporto rileva che mentre il finanziamento del settore pubblico della raccolta di dati è stato "un fattore importante" che ha guidato il progresso scientifico negli ultimi 50 anni, le decisioni in merito ai dati sono spesso frammentate e prese senza consultare la comunità scientifica. Il risultato in "casi estremi" può essere costituito da azioni guidate da fattori politici, amministrativi o di bilancio che danneggiano serie di dati scientificamente validi.
Nel frattempo, il panel avverte che, poiché il settore privato svolge un ruolo maggiore nell'accumulare e diffondere i dati, c'è il rischio che la domanda del mercato, non le priorità scientifiche, determini ciò che viene raccolto e conservato e chi ha accesso. Il panel osserva che l'interesse commerciale per le raccolte di dati può portare a diritti di licenza e utente e rivendicazioni di proprietà intellettuale sui dati che diventano impedimenti alla ricerca.

Il rapporto raccomanda che i dati prodotti commercialmente o attraverso un partenariato pubblico-privato siano forniti per scopi di ricerca e istruzione gratuitamente oa costo nominale. Il prezzo e altri ostacoli all'accesso ai dati scientifici gravano maggiormente sui ricercatori nei paesi poveri. Spesso mancano servizi Internet ad alta velocità a prezzi accessibili e tecnologie all'avanguardia per la digitalizzazione dei dati o le risorse per la gestione dei dati a lungo termine".

"Un grave problema per gli scienziati nei paesi a basso reddito è la loro mancanza di accesso alle pubblicazioni scientifiche, sia come mezzo per conoscere la ricerca in altre parti del mondo sia come sbocco per i propri risultati di ricerca", osserva il rapporto. Gli scienziati sono spesso incaricati non solo di visualizzare ma anche di pubblicare articoli. Il panel osserva che queste accuse danneggiano sia gli scienziati dei paesi in via di sviluppo che quelli delle nazioni più ricche, che trarrebbero vantaggio da un migliore scambio di informazioni e collaborazione.

Altre sfide relative ai dati individuate dal panel includono la necessità di sviluppare criteri, strutture e modelli comuni che possano guidare le istituzioni nella "conservazione permanente dei dati e delle informazioni scientifiche" in modo che ciò che viene accumulato oggi sia disponibile per le generazioni future. C'è anche la necessità di identificare e salvare i dati "a rischio", come i dati che non sono disponibili in formato digitale, sono archiviati su supporti difettosi o sono generati da software obsoleti, un altro problema che si fa sentire più acutamente in paesi in via di sviluppo.

Nel complesso, il panel conclude che "concentrando l'attenzione sulla gestione dei dati e delle informazioni a lungo termine, l'ICSU fornirà ora un servizio prezioso alla comunità scientifica e costruirà una base duratura per miglioramenti nella ricerca scientifica e nell'istruzione che saranno di beneficio per società nel suo insieme”.


Salta al contenuto