Iscriviti adesso

Il più grande raduno scientifico di sempre in Medio Oriente per il World Science Forum 2017

Oltre 2,500 leader scientifici di oltre 120 paesi si stanno riunendo al World Science Forum 2017 in Giordania dal 7 al 10 novembre per chiedere un uso più responsabile ed etico dell'innovazione per affrontare la rilevanza, l'influenza e le responsabilità sociali ed economiche della scienza.

Alla cerimonia di apertura di Forum mondiale della scienza (WSF) 2017 sotto il tema "Science for Peace", un gruppo di leader di pensiero globale ha dichiarato rinnovato l'intento di combattere la povertà e promuovere uno sviluppo sociale giusto, equo e inclusivo basato sul ripristino, la protezione e l'uso sostenibile delle risorse naturali e degli ecosistemi per promuovere una maggiore pace e armonia sociale.

Sua Maestà il Re Abdullah II Ibn Al Hussein del Regno Hascemita di Giordania e Patrono del FSM 2017 ha aperto quattro giorni di sessioni plenarie, brevi seminari e lezioni individuali, rivolgendosi a un vasto pubblico di diplomatici, parti interessate della scienza globale e influencer chiave.

Sua Maestà il Re Abdullah II Ibn Al Hussein ha invitato i delegati a fare di più per accelerare l'accumulo, l'uso e la diffusione della conoscenza scientifica e la sua applicazione nelle innovazioni tecnologiche in grado di rimodellare in meglio il nostro mondo. Accentuando il positivo, ha osservato che: “Oggi, il nostro futuro dipende più che mai dagli scienziati che lavorano insieme in uno spirito di indagine seria e rispetto reciproco; per un futuro resiliente e sostenibile richiede la scienza al suo meglio innovativo. La Giordania è orgogliosa di ospitare il World Science Forum, un acceleratore di collaborazione scientifica globale, opportunità e pace”.

Durante la plenaria di apertura 'Science for Peace', il ministro sudafricano della Scienza, Naledi Pandor, ha messo in guardia contro l'autocompiacimento: “Nessun paese, nessuna regione può permettersi l'isolamento. I nostri problemi sono anche i problemi del nostro prossimo. L'HIVAids, la malaria e la tubercolosi sono in aumento in regioni precedentemente considerate al sicuro dal loro carico di malattie, mentre le malattie non trasmissibili, comprese quelle legate allo stile di vita, hanno ora un impatto devastante nel mondo in via di sviluppo. Abbiamo più che mai bisogno di una maggiore solidarietà globale per far fronte a disuguaglianze crescenti, inaccettabili e molto pericolose. La scienza ha un ruolo cruciale da svolgere nelle nostre risposte a tutte queste sfide sociali e sarà essenziale una forte cooperazione internazionale. Il World Science Forum è una piattaforma fondamentale per promuovere una collaborazione intensificata, garantendo anche che i contributi scientifici dei paesi in via di sviluppo svolgano la loro parte giusta e necessaria”.

Il World Science Forum è organizzato in collaborazione dal Royal Scientific Society of Jordan (RSS), Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura (UNESCO); Accademia delle scienze ungherese (MTA); Associazione Americana per l'Avanzamento della Scienza (AAA); Accademia Mondiale delle Scienze (ERA); Consiglio consultivo scientifico delle accademie europee (EASA); Consiglio Internazionale per la Scienza (ICSU); Partnership inter-accademia (PAI); Consiglio Internazionale delle Scienze Sociali (ISSC); e consigliere scientifico rappresentanti del G77.

Maggiori informazioni sul World Science Forum 2017

Di seguito è possibile scaricare il comunicato stampa completo in inglese o arabo.

Il WSF 2017 stabilisce nuovi standard nell'accendere conversazioni autocritiche sulle applicazioni della scienza per tutta la società. Forse la più rappresentativa delle principali conferenze generaliste globali, viene fatto ogni sforzo per garantire che tutte le regioni siano rappresentate e che tutte le voci abbiano la possibilità di essere ascoltate. Non solo i panel sono composti dai relatori delle grandi infrastrutture di ricerca e degli organismi associativi del mondo, dai ministri della scienza e dai loro consulenti, ma anche esperti del mondo accademico, dell'imprenditoria, della società civile, dei giovani ricercatori e dei media sono invitati a discutere questioni globali critiche. Diverse organizzazioni di relatori utilizzano anche il WSF come piattaforma per annunciare le ultime scoperte nel campo delle scienze ambientali e della salute.

Il programma di quest'anno prevede 8 sessioni plenarie: un tema principale in tutte le discussioni è un "aggiornamento e critica degli obiettivi di sviluppo della sostenibilità", che riunisce i principali responsabili delle decisioni per fare il punto sui progressi compiuti verso gli obiettivi delle Nazioni Unite 2030 Agenda. A questo proposito, due sessioni plenarie trattano "il nesso energia/acqua: gestione intelligente per sostenibilità ed equità" e "scienza e sicurezza alimentare: come nutrire il mondo in modo sostenibile ed equo".

La novità del 2017 è una forte attenzione al business della scienza e all'ecosistema dell'innovazione per realizzare il SDGs dove si scontrano le opinioni di innovatori, pedagogisti e osservatori dell'economia. Ad esempio, le sessioni plenarie su "Opportunità e sfide della trasformazione digitale" o "Costruire la resilienza in un mondo interconnesso" portano in primo piano queste discussioni.

La fiducia nella scienza e la comunicazione con la società rimangono la spina dorsale degli incontri del WSF in cui si dibattono accesi temi di etica e integrità scientifica. Viene affrontato il tema "Promuovere l'inclusione attraverso l'educazione scientifica, la divulgazione e l'impegno", insieme a un mini Summit di genere come il primo per il WSF. Si prevede inoltre che una discussione tempestiva su "ricostruire società distrutte attraverso la ricostruzione e il recupero" catturi l'atmosfera del raduno di quest'anno.

La plenaria di fine conferenza riunisce noti finanziatori e "fornitori" di ricerca pubblica per esaminare i pro ei contro della "diplomazia scientifica per rafforzare la governance e costruire relazioni durature".

Ci saranno 15 sessioni tematiche: oltre 150 organizzazioni sono state invitate per arricchire i dibattiti di stile di domande e risposte con i delegati su un'ampia gamma di argomenti. Da "lotta contro i batteri resistenti e le pandemie globali"; le ultime novità in "cibo e nutrizione" o "riduzione del rischio di catastrofi nei siti del patrimonio" e "scienza per le relazioni culturali"; a approfondimenti sul "viaggio degli scienziati rifugiati, sulla "fuga di cervelli nei paesi in via di sviluppo" o sui "consigli scientifici e fatti alternativi", un vero chi è chi degli esperti sono a portata di mano al WSF 2017. Dettagli di tutte le presentazioni e annunci, oltre a registrazioni di discorsi programmatici, sono resi pubblicamente disponibili sul sito della conferenza sottostante.

Il WSF 2017 ospiterà oltre 20 sessioni speciali: una caratteristica particolare del WSF è la sua disponibilità a coinvolgere e incoraggiare gruppi di terze parti a massimizzare le sue opportunità di incontro senza rivali. Ad esempio, si stanno svolgendo tre distinti panel regionali a livello ministeriale e scientifico, a livello della società civile, che coprono l'America Latina e i Caraibi, le nazioni dell'Africa-55 e la regione araba. Dalle ultime notizie su "intelligenza artificiale e sistemi sanitari futuri" e "aiuto allo sviluppo contro risorse proprie" a "combattere l'ideologia estremista", "usare la scienza per la pace in Medio Oriente" o "parlare di scienza con i non scienziati", poche altre le piattaforme offrono questa profondità e gamma di competenze per interrogare il vero valore della scienza, della società e della politica e l'interazione tra di esse.

Più eventi collaterali e riunioni di alto livello che mai prima di essere facilitati: allo stesso modo, il WSF funge da catalizzatore per incontri di professionisti della politica scientifica globale, offrendo un supporto senza precedenti ai ricercatori all'inizio della carriera e ospita un forum che riunisce gli organizzatori delle più grandi conferenze scientifiche del mondo per condividere aggiornamenti e migliori pratiche. Si sta facendo di tutto per garantire che la prossima generazione di decisori politici sia al centro delle discussioni in Giordania. Ad esempio, per aiutare a promuovere la comunicazione scientifica, sono state offerte sovvenzioni per i media scientifici a 25 promettenti giornalisti che si uniranno ai loro colleghi alla conferenza. In questo modo, specifiche reti scientifiche o diplomatiche, progetti consolidati o forze emergenti possono ampliare la loro visibilità, attrazione e appartenenza.

Una dichiarazione di conferenza da non sottovalutare

Si prevede che l'eredità del WSF 2017 sarà un inequivocabile campanello d'allarme per scienziati e diplomatici per comprendere meglio l'impatto che le loro scoperte e politiche stanno avendo sui sistemi naturali e sociali della terra. A questo proposito, la conferenza farà un appello speciale affinché, nonostante i chiari progressi in una serie di economie emergenti e società in transizione, il divario conoscitivo e economico si stia ampliando, limitando così il potenziale della scienza e della tecnologia per contribuire allo sviluppo umano ed economico globale .

In secondo luogo, i leader della conferenza chiederanno una maggiore applicazione delle soluzioni scientifiche nelle aree della riduzione del rischio di catastrofi e della costruzione della resilienza ai disastri naturali e causati dall'uomo, in particolare nelle aree densamente popolate.

In terzo luogo, i leader della conferenza applaudiranno e sosterranno le recenti tendenze globali verso un uso più pronunciato della scienza nell'elaborazione delle politiche e gli sforzi per superare le difficoltà inerenti ai ruoli degli scienziati e dei responsabili politici che devono consentire una maggiore inclusione delle parti interessate. Il coinvolgimento della società civile non può essere un'opzione aggiuntiva.

In quarto luogo, i leader della conferenza chiederanno di fare di più per affrontare le disuguaglianze tra paesi e regioni. Il WSF accoglie con favore la forte partecipazione dei delegati di molti paesi africani, asiatici e latinoamericani qui per promuovere la cooperazione e l'integrazione per costruire e accumulare capacità per sfruttare e governare le scienze moderne.

Infine, decidendo di ospitare il WSF 2017 in Giordania dopo un evento di successo in Brasile nel 2013 e non vedendo l'ora di uscire di nuovo fuori dall'Europa nel 2021, le parti organizzative stanno costruendo conoscenze e facilitando l'integrazione in quei paesi e regioni che ne hanno più bisogno.

Contatto per i media

Aidan Gilligan, amministratore delegato di SciCom

Telefono: + 962 79184 4909

E-mail: ag@sci-com.eu




Salta al contenuto