Iscriviti adesso

Sath Cooper

Fellow della Fondazione ISC (giugno 2022)

Coinvolgimento presso l'ISC

  • Ex Membro Ordinario del Consiglio Direttivo dell'ISC (2018-2021)
  • Membro del comitato permanente per la libertà e la responsabilità nella scienza (2022-2025)

sfondo

Stretto collaboratore del defunto Steve Biko, Cooper ha svolto ruoli di leadership nella lotta anti-apartheid alla fine degli anni '1960 e nell'avvento della democrazia in Sudafrica (SA) dai primi anni '1990. Bandito, agli arresti domiciliari e incarcerato per 9 anni – trascorsi 5 nella stessa cella di Robben Island di Nelson Mandela – è stato dichiarato “vittima di gravi violazioni dei diritti umani” dalla Commissione per la verità e la riconciliazione di SA. Si è laureato alle Università di SA, Witwatersrand e Boston, dove ha conseguito il dottorato di ricerca in Psicologia clinica/di comunità come Fulbright Fellow.

Il primo presidente nero del Consiglio professionale normativo per la psicologia presso il Consiglio delle professioni sanitarie della SA, Cooper è stato il primo vicepresidente non medico / dentistico di quest'ultimo. È stato vicerettore dell'Università di Durban-Westville, è stato vicepresidente dell'ISSC per l'informazione e le comunicazioni e ha presieduto il consiglio di amministrazione della SA ICSU. Fellow delle società psicologiche SA, indiane, britanniche e irlandesi e destinatario di numerose citazioni e premi internazionali, ricopre incarichi di professore presso le Università di Pretoria e Stellenbosch. È un membro dell'ISC Committee on Freedom & Responsibility in Science (CFRS), Past President dell'International Union of Psychological Science (IUPsyS) e Presidente fondatore della Pan-African Psychology Union.


Questa pagina è stata aggiornata a maggio 2024.

Salta al contenuto